Osservatorio del terziario ManagerItalia: i servizi tra le due crisi

Osservatorio del mercato Manager Italia: La fotografia che scatta l’ultimo report non è di certo rosea, ma dimostra, ancora una volta, che il Terziario ha un ruolo da protagonista nell’economia italiana.
Il report “i servizi tra le due crisi” è particolarmente interessante. Vi invitiamo a consultarlo per capire dove stiamo andando, cogliendo nuove opportunità.
Sono tre le sezioni da esplorare di questo documento, uno strumento agile per capire il presente – “Covid, guerra e policy”; “Terziario di mercato: locomotiva dell’economia italiana con debolezze strutturali”; “Produttività e investimenti” :

Il terziario di mercato, dopo il crollo dei primi due trimestri del 2020, ha progressivamente ripreso il suo ruolo tradizionale di traino del paese già dalla metà del 2021, con una performance complessiva nel periodo del 4,3%, superiore a quella del resto dell’economia.

Il VA dei servizi di mercato nel 2° trimestre 2023 è risultato più alto del 2,1% rispetto a quello teorico, con un ampio recupero della crescita “mancata”.

La scarsa attenzione dei policy maker nei confronti del Terziario ha trovato conferma anche durante le due recenti crisi. I quattro governi che si sono succeduti sono intervenuti con misure indirizzate maggiormente a settori come l’energia e le costruzioni, dei cui impatti indiretti ha beneficiato in primis la manifattura e solo in misura ridotta il Terziario.

L’Italia ha una spesa per investimenti sostanzialmente in linea con i peers europei, anche se con ampi margini di miglioramento in vari comparti. Tuttavia, presenta una produttività del lavoro marcatamente più bassa di Germania e Francia nei servizi. Inoltre, la crescita della produttività sia nella manifattura che nel Terziario nel periodo 1995-2019 è stata la più bassa tra i partner europei, 1,2% per la manifattura contro lo 0,2% dei servizi di mercato.

L’unico comparto in cui la produttività di finanza e assicurazioni nel 2019 in Italia è stata molto simile a quella di Germania e Francia è Finanza e Assicurazioni, con un tasso di crescita medio nel periodo 1995-2019 maggiore in Italia che in Germania.

La produttività dell’ICT in Italia è inferiore a quella di Germania e Francia, nonostante una crescita media relativamente elevata nel nostro paese (+2%). La produttività delle attività professionali, che in Germania e Francia è un importante traino della produttività dei servizi, risulta inferiore in Italia.

Fonte: LinkedIn – ManagerItalia

Condividi Articolo:

Articoli Correlati